Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

MyDigitalia
il digitale usato seriamente

gestire un sito

gestire un sito

Se si vuole creare un proprio sito web, occore stabilire anzitutto

In tal senso Vi sono alcune regole (almeno teoricamente) condivise dai webmaster

testare il lavoro fatto

la correttezza formale

Esistono dei programmi, i cosiddetti validatori, che possono dirvi se quello che avete fatto è un lavoro tecnicamente (cioè come rispetto della sintassi HTML) ben fatto: ne trovate inclusi in molti programmi. Attenti però, in molti casi, possono essere "interessati", se si tratta di software commerciale; ad esempio FrontPage vi dirà quasi sempre che va tutto bene, anche se non è vero: fa così per farvi credere che solo IE è un buon browser (in effetti è molto flessibile, anche se la versione 6 si è un po' "incartapecorita"), mentre gli altri (NS e Opera) non capiscono niente. In realtà capita che gli altri seguano meglio le regole del W3C, che IE spesso e volentieri stravolge.

Esiste un programmino che non solo valida la correttezza delle vostre pagine, ma corregge gli errori: è Tidy, un programma gratuito, davvero indispensabile per un webmaster.

Lo potete usare anche dall'interno di Quanta (per Linux), aggiungendolo in “\Settings\Configure Actions”. Oppure potete validare le vostre pagine on-line, usando il validatore del W3C.

la correttezza sostanziale

Si veda in proposito la pagina del W3C sulla accessibilità.

Ma vogliamo darvi un suggerimento dettato dall'esperienza. Provate a fare un semplice test, per vedere se una vostra pagine è accettabile: disabilitate l'uso delle immagini e dei plugins.

Se riuscite lo stesso a capire quello che avete voluto dire, la vostra pagina è ben fatta. Altrimenti ... :) vi conviene rifarla. Non potete infatti costringere i vostri visitatori a visualizzare le immagini e le animazioni per poter navigare nel vostro sito.

Ed esistono pur troppi siti sul web che, disabilitate le immagini appaiono VUOTI!! Che squallido disprezzo per la comunicazione! In fondo: che disprezzo per l'umano!

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.