Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

MyDigitalia
il digitale usato seriamente

Linux: come installare nuovi programmi

Linux: come installare nuovi programmi

installare nuovi programmi

Diciamo subito che è meno immediato che in Windows. Anzi si tratta di una procedura che può scoraggiare molti. In Windows basta fare doppio clic su un.exe autoistallante, dirgli al limite in quale cartella istallarsi, settare qualche rapida opzione, e il gioco è fatto.

In Linux è tutto più laborioso.

Ci sono comunque diversi modi per istallare programmi in Linux:

usando un software-manager

Ogni distribuzione ha dei suoi “repository”, dove vengono collocati i programmi istallabili in quella distribuzione, appositamente testati e, come dire?, calibrati. Con un software-manager, ad esempio Sinaptic, si possono vedere i programmi installati, quelli aggiornabili e quelli installabili (in genere centinaia di programmi), e si può procedere con pochi clic del mouse a disinstallare, aggiornare, installare. È il modo più semplice.
Questo può però essere un problema per chi non ha accesso alla rete sotto Linux (vedi sopra, problema dei modem interni e USB).

un trucco

Conviene scaricare i programmi, senza distruggerli immediatamente dopo l'installazione. In modo da poterli trasferire al sicuro dalla cache del programma di istallazione (Synaptic, ad esempio) in un vostro deposito di programmi installabili.

Solo dopo questa operazione converrà svuotare la cache. In questo modo, specie se non avete una connessione veloce a forfait, ma a consumo, potrete anche in un secondo tempo installare gli stessi programmi, senza scaricarli di nuovo dal web.

installando manualmente pacchetti

Ad esempio scaricati da internet o reperiti altrimenti (da CD o DVD, per esempio), ossia

1) In alcune distribuzioni con un doppio clic tali pacchetti si autoinstallano, praticamente come in Windows.
2) In altre distribuzioni non basta fare doppio clic su un pacchetto: un modo per aggirare il problema allora è quello (non garantito per tutto, comunque) di usare un terminale: andando nella cartella dove si trovano, ad esempio i files RPM e digitando “rpm -Uvh nomedelpackage.rpm„; se tutto va bene ve lo installa, ma potrebbe capitare che quell'RPM non sia compatibuile con la distribuzione che state usando, ovvero che ci sia un problema di dipendenze da librerie mancanti...
Allora resta una terza possibilità.

scompattando un programma zippato

Per alcuni programmi zippati (come ad esempio Firefox o Thunderbird, ma anche PeaZip) basta scompattarli (tipicamente nella cartella usr/share, o anche in /opt/[cartella a scelta]), e poi trovare il file eseguibile, che in genere ha il nome del programma stesso.

Lo stesso si può fare con Opera, o con OpenOffice (LibreOffice)

“compilando” un programma

La compilazione serve a personalizzare quel dato software, che è in formato “brado”, per la specifica distribuzione che abbiamo, è una sorta di costruzione mirata, che parte da un codice sorgente, potenzialmente valido per svariate distribuzioni (se non addiritura per diversi sistemi operativi), per elaborare la declinazione di quel software tagliata su misura a quella che abbiamo sulla nostra macchina.

Si procede così: si scarica un programma (o meglio il codice sorgente, source code) compresso, lo si scompatta, di solito nella cartella /tmp, e poi si usa un terminale per portarsi in quella cartella dove è stato scompattato il programma e si danno alcuni comandi, tipicamente questi:
./configure
make
make install

L'operazione appena descritta non richiede del resto un enorme dispendio di intervento manuale: si danno quei tre comandi, e poi ci pensa il programma a istallarsi. L'unica noia è il tempo (a volte davvero tanto) che impiega in tale compilazione.

installare apache/php/mysql

Vi rimando a una scheda a parte su come installare apache/php/mysql.

è possibile!

Posso dire di avere installato con successo su Linux (PcLinuxOS, per l'esattezza) parecchio software, che non era nei repositoriy di tale distribuzione, ossia:

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.