Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

MyDigitalia
il digitale usato seriamente

Linux e i files midi (musica)

Linux e i files midi (musica)

midi in Linux

Non è immediato come in Windows ascoltare files midi in Linux. Ma la soluzione c'è, e non è poi troppo difficile.

Distinguiamo due casi:

ascoltare un file midi

Questo è decisamente facile: basta installare Timidity, un programma che suona i files midi sotto Linux.

Timidity è un programma che presenta anche la possibilità di variare il tempo e la tonalità del file che si sta ascoltando, e di creare delle playlist. Soprattutto quest'ultima possibilità rende meno grave la mancanza di una interfaccia grafica più amichevole

Oggi, Dolphin permette di ascoltare immediatamente e semplicemente un file mid, basta selezionarlo e cliccare sull'icona play nella sezione a destra (Information).

elaborare un file midi ascoltandone il suono

Una volta questa operazione era piuttosto complessa, come spieghiamo immediatamente qui sotto.

una volta

Qui occorre armarsi di pazienza: non è infatti sufficiente installare un programma di editing degli spartiti (come NoteEdit o Rosengarden).

Dopo che li avrete installati, potrete sì vedere gli spartiti e inserire chiavi e note, ma non sentirete nulla...

installare...

Allora occorre installare una serie di programmi, variabili da distribuizione a distribuizione; in PcLinuxOs servono i seguenti:

... e far partire

A questo punto, ogni volta che vorrete lavorare su un file midi editandolo e sentendone il suono, dovete prima far partire qtjackl e qsynth (gli altri due una volta installati non devono essere richiamati), avendo anche l'avvertenza di aprire una finestra secondaria di qtjackl, ossia connect, e collegando col mouse le due finestrelle che vi appariranno. Sembra un po' complicato, ma in pratica è più semplice a farsi che a dirsi.

Dopo di che potete aprire il vostro editor musicale e buon lavoro!

oggi

Tutto si è semplificato: il server MIDI parte automaticamente con sistema operativo e un programma come MuseScore, ad esempio, edita tranquillamente il vostro file mid (o formato equivalente, proprietario o meno).

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.